Da non perdere a santorini

Da non perdere a Santorini


Basta considerare che Santorini non è soltanto inserita nella classifica delle venti isole più belle della Grecia, ma che è anche al primo posto, per immaginare che sono tante le mete da non perdere una volta che vi trovate qui in vacanza. Nonostante sia nota soprattutto per le sue spiagge dorate e le sue acque cristalline, non mancano qui luoghi di interesse storico ed archeologico, bellezze naturali e splendidi paesaggi che la rendono l’isola più affascinante e romantica delle Cicladi. Forse non vi basterà una settimana per godere a pieno della meraviglia di questo luogo, ma potete organizzare un itinerario di viaggio che tocchi almeno le località più importanti, pensando poi di tornare a Santorini una seconda volta. Magari una terza, ed anche una quarta.

Tra storia ed archeologia

Per quanto sembri moderna, questa è un’isola che ha alle sue spalle una storia lunga secoli e che affonda le sue radici addirittura nell’Età Minoica. Ne è un esempio palese il sito di Akrotiri, assolutamente da non perdere, dove avrete la possibilità di ammirare una città arcaica perfettamente conservata, sepolta dalle ceneri vulcaniche dell’eruzione del 1613 a.C. Sono ancora integri alcuni edifici a due piani, il sistema fognario, le pavimentazioni e le strade, che rendono il sito uno dei luoghi più affascinanti di tutta l’isola. Non è da meno il luogo che tutti conoscono come “Antica Fira”, arroccata sul monte Kameni. Si tratta della versione arcaica dell’attuale capoluogo dell’isola, un’antica cittadina fondata dai Dori nel IX secolo a.C. e poi sopravvissuta almeno fino all’Età Bizantina, dopo di che totalmente abbandonata e lasciata al suo destino. Si tratta di un sito di meravigliose rovine che vi riporteranno al passato, ai tempi in cui i primi abitanti di quest’isola cominciarono a muovervi i primi passi.

Villaggi pittoreschi, tramonti e chiese

La fortuna di Santorini è quella di essere popolata da villaggi nel tipico stile cicladico, con casette basse imbiancate a calce e porte di un blu caratteristico, che hanno un fascino che riesce sempre a conquistare i turisti. Vale la pena visitare la bellissima Oia, uno dei borghi più suggestivi di tutta l’isola, da cui potete ammirare il miglior tramonto di tutte le Cicladi. Altrettanto splendidi i villaggi di Exo Gonia e di Kamari, dove vale davvero la pena fermarsi per passeggiare tra le piccole stradine lastricate. Inutile aggiungere che Fira è la cittadina da non perdere. Anzi, vi consigliamo di raggiungerla direttamente dal porto secondo il metodo tipico degli isolani, quello di risalire la strada a bordo del dorso di un asino. In qualunque località decidiate di fermarvi, ricordatevi sempre di visitare le chiese dell’isola, che rappresentano uno degli esempi architettonici più affascinanti e caratteristici di tutto il territorio.